I Talentuosi Acrobati: Mappamondo

4° Rapporto di ricerca Generazione Proteo
I TALENTUOSI ACROBATI
IN UN GIOCO DI EQUILIBRI SOPRA LA FOLLIA

MAPPAMONDO

proteo-4-07

 

Il campione del 4° Rapporto di Ricerca Nazionale appare spaccarsi circa la convenienza dell’appartenenza dell’Italia all’Unione Europea e sull’opportunità di sviluppo economico e delle nostre imprese derivante dall’adesione all’UE. Il complessivo 52%, infatti, si ritiene “abbastanza” (42,6%) e “molto” (9,4%) d’accordo che per l’Italia l’appartenenza all’Unione europea sia un vantaggio, contro un complessivo 54,7% che invece ne dissente. Ancora, il 50% degli intervistati si ritiene “per nulla” (12,8%) e “poco” (37,2%) d’accordo sull’opportunità di crescita e sviluppo offerta dall’Unione europea alle nostre imprese (a fronte del 47,5% di chi si dichiara invece favorevole); il complessivo 55,7% si dichiara “abbastanza” (45,7%) e “molto” (10%) d’accordo sulla necessità di far parte dell’UE per la crescita economica del nostro Paese (contro il complessivo 41,9% che afferma di essere “per nulla” e “poco” d’accordo), mentre il 73,1% si dichiara “per nulla” (25,9%) e “poco” (47,2%) d’accordo con l’affermazione La politica italiana ha migliorato lo standard di vita degli italiani. Ben l’81,1% degli intervistati, infine, ritiene che l’Italia non abbia un peso notevole nelle decisioni politiche dell’Unione europea (“per nulla” e “poco” d’accordo rispettivamente nel 29,2% e nel 51,9%), mentre il complessivo 70,1% è convinto che solo i Paesi più forti, quali Germania e Francia, riescono a trarre vantaggio dall’Unione europea (“abbastanza” e “molto” d’accordo rispettivamente il 43,6% e il 26,5%).